The XX Brain by Lisa Mosconi, PhD

Salute Stile di vita Lisa Mosconi Neurologia Neuroscienza Medicina popolare Il cervello xx

The Groundbreaking Science Empowering Women to Maximize Cognitive Health and Prevent Alzheimer's Disease

The XX Brain by Lisa Mosconi, PhD

Buy book - The XX Brain by Lisa Mosconi, PhD

What is the subject of the book The XX Brain?

This practical guide to enhancing women's brain health and avoiding Alzheimer's disease is based on the findings of the XX Brain (2020). Women are suffering from an Alzheimer's pandemic, but the medical profession isn't doing anything about it so far, according to a new report. Take control of your health by demanding the medical care you deserve, and take real measures to assist avoid the development of Alzheimer's disease, according to the XX Brain.

Who is it that reads the book The XX Brain?

  • Women who want to take preventative measures to safeguard their brains against illness
  • Women who are prone to forgetting things and would benefit from more mental clarity
  • Health care providers who wish to enhance their approach to women's healthcare should read this book.

Who is Lisa Mosconi, Ph.D., and what does she do?

Dr. Lisa Mosconi, PhD, is the head of the Women's Brain Initiative at Weill Cornell Medical College and the associate director of the Alzheimer's Prevention Clinic. She received her doctorate from the University of Pennsylvania. Her earlier book, Brain Food, explored the relationship between what we eat and how our brains function.

Cosa c'è esattamente dentro per me? Take control of your health by making lifestyle changes.

Did you know that in the United Kingdom and Australia, Alzheimer's disease claims the lives of more women than breast cancer? Or that a 45-year-old woman has a one-in-five risk of getting Alzheimer's disease before she dies, compared to a man's one-in-ten likelihood of developing the disease? If any of these facts are unfamiliar to you, you are not on your own. A female Alzheimer's pandemic is sweeping the country, and the situation is deteriorating rapidly. Unfortunately, the issue has gotten minimal coverage in the media and has garnered only a limited amount of attention from the medical establishment so far. What is the root cause of this epidemic? And, maybe more significantly, what can be done to prevent it? These notes shed light on these issues and provide an inspirational and practical toolbox for ensuring that your brain health flourishes at any age - no matter what your age is.

Among the topics covered in these notes are why moderate exercise is more helpful than pounding the pavement until you pass out, how learning to play an instrument may benefit your brain, and why women are frequently misdiagnosed when they have a heart attack.

Women's health is in a state of crisis as a result of inequalities in the medical profession.

Consider the scenario in which a meteor is racing toward the Earth. Thirty million people living in the impact zone are on the verge of extinction. Space research would be expected to ramp up, frantic headlines would appear in all of the media, and a coordinated effort to do everything necessary to avert the impending catastrophe would be expected to take place. Consider the fact that a comparable number of women will die from Alzheimer's disease over the next 30 years, and yet no one is doing anything to prevent this from happening: no one. What is the reason behind this? As it happens, there is a very particular kind of prejudice at work here, and the implications are very serious. The most important message is that women's health is in a crisis as a result of inequalities in the medical profession.

Storicamente, i maschi hanno predominato nel campo della medicina. I medici maschi hanno cercato il consiglio degli scienziati maschi, che hanno condotto studi su un numero sproporzionatamente elevato di pazienti maschi. La professione medica si è evoluta per vedere il corpo umano come di fatto maschile. Poiché i corpi delle donne e degli uomini sono diversi nella composizione, questo è un problema. Quando una donna ha un attacco di cuore, per esempio, non ha tutti gli stessi sintomi di un maschio. Le donne hanno maggiori probabilità rispetto ai maschi di avere sintomi simili all'influenza come la sudorazione e la nausea invece del disagio del torace. E significa che hanno una probabilità di sette volte maggiore di essere diagnosticati erroneamente e di essere mandati a casa mentre soffrono di un infarto. Le donne hanno anche un modo diverso di metabolizzare i farmaci rispetto ai maschi. Come ci si aspetterebbe, i ricercatori hanno scoperto che le donne sono a rischio di danni a causa del dosaggio giornaliero raccomandato dell'Ambien del farmaco addormentato. Questo è stato scoperto dopo che la dose è stata testata sui maschi.

La salute delle donne è stata a lungo affrontata dall'establishment medico usando quella che è nota come "medicina bikini", che si basa sull'idea che le donne siano distinte in termini di organi riproduttivi, ma altrimenti biologicamente simili ai maschi. Tuttavia, questo manca un punto critico di differenziazione: il cervello. In termini di depressione e ansia, le donne hanno il doppio delle probabilità rispetto ai maschi di soffrire di queste condizioni. Hanno quattro volte il numero di emicranie e hanno tre volte più probabilità di sviluppare malattie autoimmuni come la sclerosi multipla rispetto alla popolazione generale. Il fatto che due pazienti su tre Alzheimer siano femmine è la statistica più preoccupante. La malattia è così comune che una donna di età superiore ai 45 anni ha un rischio su cinque di ottenerla durante la sua vita. Un ragazzo della stessa età ha una possibilità una in dieci di vincere la lotteria.

Prendersi cura della salute delle donne comporta molto più che indossare un solo bikini. È più di un semplice problema medico; È anche una questione di uguaglianza. La salute femminile dovrebbe essere gestita come una priorità assoluta, proprio come una meteora che corre verso la Terra dovrebbe essere trattata come se fosse un'emergenza potenzialmente letale.

I cambiamenti ormonali come la menopausa hanno un impatto significativo sulla salute del cervello.

Il fatto che gli ormoni influenzino il tuo cervello non sarà una sorpresa se hai mai affrontato gli alti e bassi della sindrome premestruale, spesso noto come PMS. Potresti essere scioccato nell'apprendere quanti soldi sono coinvolti. Gli estrogeni è l'ormone che ha il maggior numero di effetti. Gli estrogeni, spesso noto come "regolatore principale", ha un impatto su quasi ogni funzione cerebrale essenziale. Inoltre, aiuta nella generazione di energia, nel mantenimento della salute cellulare e nell'attivazione delle regioni cerebrali che sono importanti per la memoria e l'attenzione. Aiuta anche a difendere il cervello rafforzando il sistema immunitario e aiuta a mantenere stabile il tuo umore aiutando il cervello nella produzione di endorfine (ormoni felici). Ecco perché è così straziante per le donne quando raggiungono la menopausa e i loro livelli di estrogeni precipitano a livelli pericolosamente bassi. La lezione più importante da togliere da ciò è: cambiamenti ormonali come la menopausa hanno un impatto significativo sulla salute del cervello.

Una donna raggiunge la menopausa quando ha avuto il suo ultimo ciclo mestruale e non è più fertile, in genere sulla quarantina o cinquanta, ma una donna che ha rimosso il suo utero potrebbe raggiungere questa fase prima. A parte i soliti sintomi della menopausa, come le vampate di calore, la diminuzione degli estrogeni ha un effetto significativo sul cervello. Molte donne riferiscono di essere colpite dalla tristezza e dall'ansia. Alcune persone possono persino sviluppare sintomi bipolari o schizofrenia per la prima volta durante il trattamento. Inoltre, le donne che stanno attraversando la menopausa sono più vulnerabili alle malattie cardiache, all'obesità e al diabete di tipo 2.

Gli studi sul cervello delle donne prima e dopo la menopausa hanno dimostrato che l'attività diminuisce quando i livelli di estrogeni diminuiscono. Allo stesso tempo, la quantità di placche amiloidi nel cervello, che è un'indicazione cruciale della malattia di Alzheimer, sta aumentando. Inoltre, le aree di memoria nel cervello si sono ridotte in modo significativo. Si scopre che per l'80 % delle donne, la menopausa aumenta la possibilità di sviluppare la demenza. La malattia di Alzheimer sembra manifestarsi bruscamente, sebbene la malattia si sia sviluppata per decenni. Mentre i segni e i sintomi più ovvi potrebbero non apparire fino a dopo nella vita, la fondazione è costruita mentre siamo giovani. La menopausa segna l'inizio della fine per molte donne. Allora, cosa implica tutto questo? È possibile che tu abbia un obiettivo ormonale sulla schiena che devi semplicemente accettare? No, non credo. Devi essere consapevole delle conseguenze di questi cambiamenti ormonali e di come affrontarli in modo efficace.

Le conseguenze della menopausa possono essere controllate da adeguate misure preventive, garantendo che il cervello rimanga sano durante la menopausa e oltre.

La malattia di Alzheimer non è una parte normale di invecchiare, né è necessariamente ereditata; Nella maggior parte dei casi, può essere evitato.

Considera tutte le fiabe che hai sentito da bambino, così come tutte le fantasie e i miti che hai accettato senza dubbio. Nonostante il fatto che tu sia un adulto, molte storie saranno rimaste con te. I miti sono così; Sono tutti intorno a noi. E ce ne sono molti nel campo della salute delle donne. Tuttavia, a differenza di una storia affascinante, queste idee sbagliate sono dannose perché influenzano il modo in cui pensiamo e gestiamo i problemi di assistenza sanitaria e trattamento delle donne. Uno dei fraintendimenti più frequenti riguardo alla malattia di Alzheimer è che le donne hanno maggiori probabilità rispetto ai maschi di ottenere la malattia perché hanno una specifica mutazione genica di Alzheimer. Questa idea dà l'impressione che la malattia di Alzheimer sia un evento naturale o predeterminato e che non c'è nulla che tu possa fare per evitarlo. Questo non è corretto.

La lezione più importante da togliersi da ciò è che la malattia di Alzheimer non è né una parte normale di invecchiare né necessariamente ereditata - è quasi sempre evitabile. La verità è una cosa difficile da capire. Alcuni geni migliorano le possibilità di sviluppare la condizione: la malattia di Alzheimer è innescata da una rara mutazione genetica nell'1 al 2 % dei casi e altri geni possono renderti più vulnerabile alla malattia. L'etnia è un fattore di rischio per le malattie cardiache. Se sei una donna afro-americana, le tue probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer o avere un ictus sono due volte più alte rispetto a quelle di una donna bianca, secondo le recenti ricerche. Se sei ispanico, hai una probabilità una volta e mezza maggiore di sviluppare la malattia di Alzheimer. Tuttavia, una predisposizione genetica non implica che una malattia sia un risultato predeterminato. Secondo gli studi, il miglioramento della salute e fare migliori scelte di vita possono prevenire almeno un terzo di tutti i casi di malattia di Alzheimer.

Un secondo malinteso che deve essere dissipato è l'idea che le donne abbiano maggiori probabilità rispetto ai maschi di ottenere il morbo di Alzheimer a causa della vita più lunga. Secondo questo malinteso, è una malattia che colpisce gli anziani. Dato che le donne vivono una vita più lunga rispetto ai maschi, è ovvio che acquisiranno anche la malattia di Alzheimer a un ritmo più elevato. In superficie, questo sembra essere ragionevole, ma dopo un esame più profondo, i fatti non lo supportano. Per cominciare, le donne non vivono una vita molto più lunga rispetto ai maschi - in media vivono solo da tre a cinque anni in più. Inoltre, le donne hanno maggiori probabilità rispetto ai maschi di sviluppare la malattia di Alzheimer in età precedente. Inoltre, le donne non sono più vulnerabili ad altre malattie legate all'età come la malattia o l'ictus di Parkinson rispetto ai maschi. Pertanto, qualcun altro deve essere responsabile di questa catastrofica pandemia. Sembra logico assumere questo.

È passato il tempo per rifiutare le fiabe che ci porterebbero a pensare che la malattia di Alzheimer sia una malattia naturale o predeterminata e invece affrontarla come la catastrofe che è - una crisi che può e dovrebbe essere evitata se agiamo rapidamente.

Dai un'occhiata alla tua salute generale per vedere se sei a rischio per la malattia di Alzheimer.

Se stai giocando a poker e ti viene data una mano che ha solo re e assi, potresti credere di essere a una mano vincente. Coloro a cui è stata data una mano sicura e tuttavia persi capiranno che nulla è certo fino a quando le carte non vengono distribuite e trattate correttamente. Lo stesso si può dire sui fattori di rischio della malattia di Alzheimer. Puoi avere una varietà di fattori di rischio per lo sviluppo della malattia, ma nessuno di essi garantisce che alla fine otterrai la malattia. Sono solo segnali rossi che devono essere osservati e trattati. La medicina di precisione, che sta diventando più popolare, consente di personalizzare le terapie ai tuoi requisiti particolari, il che significa che, indipendentemente dalla mano che sei stato trattato, ora puoi migliorare le tue possibilità. La lezione più importante da togliere da questo è: dai un'occhiata alla tua salute generale per vedere se sei a rischio per la malattia di Alzheimer.

Potresti iniziare a valutare il rischio di sviluppare una malattia cerebrale prendendo in considerazione la tua composizione genetica, l'ambiente circostante e il tuo stile di vita. Il tuo cervello e il tuo corpo sono intrecciati tra loro. Hai un problema di peso? Soffri di malattie cardiache o diabete? Tutte queste cose sono fattori di rischio. I TBI sono un'altra considerazione, poiché il trauma della forza contundente può ridurre il flusso sanguigno al cervello e indurre l'infiammazione. Sebbene questa sia una risposta naturale e sana, il corpo potrebbe non essere in grado di spegnere la sua risposta infiammatoria in determinate circostanze. Ciò si traduce in un'infiammazione persistente e di basso grado che esaurisce la fornitura di ormoni cerebrali da parte del corpo nel tempo.

Altri fattori di rischio possono essere scoperti anche nei dintorni circostanti. È possibile che siano presenti sostanze dannose nel cibo che consumi, nei contenitori in cui lo mangi e gli oggetti che usi sulla pelle. Nel determinare il rischio, è fondamentale fare una valutazione approfondita dei veleni presenti nell'ambiente circostante. A dire il vero, il fumo è uno dei modi più efficienti per introdurre sostanze chimiche dannose nel sistema. Quando si tratta di problemi a cuore e cerebrale, le donne che fumano sono a rischio significativamente aumentato. Prendere in considerazione queste variabili di rischio può essere un processo spaventoso. Il rischio, d'altra parte, non è lo stesso del destino. Prendi un appuntamento con il medico per eseguire un esame fisico completo, nonché test per cose come colesterolo, pressione sanguigna, funzione tiroidea e infezioni. Sapere che tipo di mano che ti è stata tratta ti permette di essere avvertito - e all'avanguardia - nella battaglia contro la malattia di Alzheimer e altre delementazioni.

Il trattamento ormonale della menopausa ha i suoi critici, ma non è qualcosa che dovremmo escludere completamente.

Abbiamo riportato molta fiducia nel settore farmaceutico per risolvere tutti i nostri problemi per noi. Se la malattia di Alzheimer è un problema così significativo per le donne, sicuramente ci deve essere un farmaco che può alleviare il problema? Sfortunatamente, non è così semplice. Un sorprendente 99,6 per cento dei medicinali di Alzheimer fallisce negli studi clinici, rendendoli il maggior successo di tutti i farmaci testati. Inoltre, come abbiamo visto, le particolari esperienze delle donne con il morbo di Alzheimer hanno ricevuto meno attenzione dai ricercatori medici. Le terapie ormonali della menopausa, comunemente note come MHT, sono un'opzione terapeutica che ha mostrato qualche promessa. Se il calo dei livelli di estrogeni e progesterone dopo la menopausa contribuisse alla progressione della malattia di Alzheimer, sembrerebbe ragionevole che reimpulsi artificialmente gli estrogeni e il progesterone possano aiutare nel trattamento della malattia. Queste terapie, d'altra parte, sono divisive.

Il punto principale è che, sebbene il trattamento ormonale della menopausa abbia i suoi critici, non dovrebbe essere respinto di mano. Nel 1993 è stato iniziato uno studio clinico per studiare gli effetti della MHT sul corpo umano. La ricerca, che includeva 160.000 donne e doveva sparare 15 anni, avrebbe dovuto raccogliere dati su 160.000 donne. Tuttavia, 10 anni dopo, nel 2003, il progetto è stato improvvisamente cancellato. Gli MHT hanno dimostrato di aumentare il rischio di ictus, coaguli di sangue, cancro e demenza nelle donne che li hanno usati in una ricerca condotta dall'American Heart Association. Le persone erano comprensibilmente preoccupate e le donne hanno iniziato a lasciare questi trattamenti in gran numero.

Tuttavia, ci sono stati diversi problemi nello studio che hanno messo in dubbio la validità dei risultati. Per cominciare, solo le donne sulla settanta e settanta che erano lontane in menopausa erano soggette allo studio. Molte di queste donne probabilmente soffrivano già di problemi come le arterie ispessite, che possono portare a malattie cardiache. Inoltre, la ricerca ha esaminato solo l'utilizzo a lungo termine di MHT a dosaggi elevati, non bassi. Non ha fornito informazioni sul fatto che l'uso a breve termine a bassi dosaggi potesse essere utile o sicuro a lungo termine.

A causa del fatto che questi problemi non sono mai stati affrontati nella ricerca su larga scala, rimangono molte domande senza risposta riguardo alla MHT. Tuttavia, alcuni risultati incoraggianti sono emersi da prove più piccole condotte con donne che hanno preso MHT per brevi periodi di tempo prima dei 60 anni e in cinque anni dalla menopausa. È stato anche dimostrato che gli MHT riducono il rischio di malattie cardiache nelle donne che hanno subito isterectomie, nonché per migliorare la salute del loro cervello. Di conseguenza, il problema in fiamme è se dovresti prenderli o meno. Come dovrebbe essere ovvio, questo è un problema complicato che è meglio affrontare dal medico, che può valutare i tuoi specifici fattori di rischio e bilanciare i potenziali vantaggi rispetto a tali rischi.

L'equilibrio dietetico e la ricchezza nutrizionale sono essenziali per mantenere una funzione cerebrale ottimale.

È probabile che ti sei visto andare a fare una tazza di caffè quando ti senti stanco. Questo perché gli alimenti e le bevande che consumi hanno un impatto sul tuo cervello. Il nostro cervello si basa sul cibo per ripristinare l'energia e per aiutare le prestazioni di compiti vitali. Se vuoi mantenere il tuo cervello sano, la prima cosa su cui dovresti concentrarti è la tua alimentazione. La conoscenza convenzionale su ciò che dovremmo mangiare è sempre spostamento. Le diete ricche di grassi, come le diete "cheto", erano popolari nei primi anni '90. Oggi, le diete ad alto contenuto di grassi sono popolari. La realtà è che nessuna dieta estrema è benefica per la tua salute mentale. Invece, presta attenzione alla qualità del cibo che consumi. La lezione più importante da togliere da ciò è che mangiare una dieta sana ben bilanciata è l'approccio migliore per migliorare la funzione del tuo cervello.

Alcuni grassi sono dannosi per la tua salute, mentre altri sono necessari. Prendi, ad esempio, grassi trans. Poiché hanno subito un'ampia elaborazione, sono dannosi per il tuo corpo in qualsiasi quantità. D'altra parte, i grassi insaturi trovati in avocado, mandorle e pesci sono benefici per il cuore e il cervello, in particolare se li consumi regolarmente. I carboidrati non fanno eccezione a questa regola. Il consumo di cibi zuccherati, come pane bianco, spaghetti e torte, fa aumentare e poi la glicemia, rendendo difficile per il tuo corpo mantenere un sano equilibrio di energia. I carboidrati complessi, d'altra parte, come quelli che si trovano nelle verdure, nel riso integrale e nella quinoa, sono ricchi di fibre, il che aiuta a tenere sotto controllo i livelli di estrogeni e zucchero nel sangue.

Calci, semi di lino e albicocche sono tutti alimenti nutrienti che possono aiutarti a mantenere un livello sano degli estrogeni. E, se vuoi migliorare attivamente la salute del tuo cervello, dovresti consumare super alimenti che sono ricchi di antiossidanti su base regolare. Durante i pasti, la metà del piatto dovrebbe essere ammucchiata con verdure: più colorate sono le verdure, migliore è il pasto. Per aiutare il tuo corpo a digerire tutti questi nutrienti, è necessario massimizzare la quantità di batteri benefici nell'intestino. I prebiotici (cibi che fungono da una sorta di "fertilizzante", come cipolle, banane e aglio) e probiotici (trovati nello yogurt) dovrebbero essere consumati in grandi quantità per raggiungere questo obiettivo.

Tuttavia, anche con la dieta più bella, di volta in volta potrebbe aver bisogno di ulteriore assistenza. Se ti senti depresso o affaticato anormalmente, chiedi al medico di controllare i livelli di vitamine del gruppo B e acidi grassi omega 3, che sono fondamentali per il tuo benessere mentale ed emotivo, nonché la salute e la funzione del cervello. È possibile consentire al tuo corpo-e al cervello-di prosperare mangiando una dieta ben bilanciata di cibi di alta qualità e integrando quando necessario.

La salute del cervello richiede regolare un esercizio a bassa intensità su base regolare. E più lento vai, meglio è quando invecchi.

Non c'è una storia famosa su come gli Hare sprint oltre la tartaruga in una gara e sembra vincere, ma poi diventa stanco e la tartaruga, che mantiene un ritmo costante, alla fine vince e taglia prima il traguardo? Si scopre che, quando si tratta di esercitare, le donne dovrebbero adottare un approccio più simile a una tartaruga di quanto dovrebbero adottare quando si tratta di lepri. L'esercizio regolare a bassa a moderata ha molti vantaggi per la salute, ma è particolarmente vantaggioso per la salute e il benessere generale del tuo cervello. In sostanza, il messaggio è che l'esercizio regolare a bassa intensità è fondamentale per mantenere la funzione cerebrale. E più lento vai, meglio è quando invecchi. L'esercizio fisico offre una pletora di proprietà che promuovono la salute. Aiuta a mantenere il cuore sano diminuendo l'accumulo di placca nelle arterie e ti fa sentire bene causando la produzione di endorfine. Ma, forse più significativamente, aiuta nella conservazione della tua giovinezza mentale.

Poiché l'esercizio fisico provoca la produzione di ormoni della crescita, che aiutano la riparazione e la formazione di nuove connessioni tra neuroni, è forse inaspettato che le donne che si esercitano spesso hanno un rischio molto basso di ottenere la demenza più tardi nella vita. Tuttavia, se l'idea di esercitare evoca i pensieri delle ore estenuanti trascorse a pompare il ferro in palestra, non hanno paura: i corpi delle donne prosperano sull'esercizio fisico regolare di intensità bassa a moderata, eseguite su base regolare. Tuttavia, sebbene non esista un allenamento universalmente efficace, è una buona idea personalizzare la tua routine di fitness per la tua fascia d'età specifica. Le donne tra vent'anni e trenta possono beneficiare di una combinazione di un aumento dell'esercizio aerobico per aiutare a ritardare il processo di invecchiamento e mantenere livelli ottimali di estrogeni. Le donne di questa età dovrebbero mirare a esercitare per circa 45 minuti tre volte a settimana in una situazione ideale.

In seguito alla menopausa, si consiglia di aumentare la frequenza della tua attività riducendo l'intensità, mirando a fare esercizio per circa 30 minuti cinque volte a settimana. Ci sono una serie di ragioni per cui questa tecnica è la più successo. Innanzitutto, gli esercizi ad alta intensità aumentano i livelli di cortisolo, che è l'ormone dello stress, e questo può portare ad un aumento dell'infiammazione e del dolore muscolare o articolare. In secondo luogo, gli esercizi intensi richiedono tempi di recupero più lunghi, che dipende dall'ottenimento di un sonno sufficiente - qualcosa che molte donne in postmenopausa trovano difficile da fare. Infine, l'esercizio ad alta intensità può causare lesioni muscolari e aumentare il rischio di fratture ossee nelle donne anziane. Invece, prova yoga, pilates, un po 'di giardinaggio o un giro in bici da mezz'ora per far funzionare la frequenza cardiaca. L'esercizio più vantaggioso è di routine e fatto su base regolare. E il tuo cervello ti sarà grato per questo.

È passato il tempo per affrontare la pandemia di stress che sta causando il caos sulla salute delle donne.

Ti sei mai trovato in uno scenario in cui diverse persone ti chiedono di fare varie cose allo stesso tempo e ti ritrovi a girare in una piastra, tentando di soddisfare le richieste di tutti allo stesso tempo? Quindi sei come la maggior parte delle donne contemporanee, che devono spesso trovare un equilibrio tra gli obblighi del lavoro a tempo pieno e le esigenze delle loro famiglie e bambini. Quando si getta la responsabilità di prendersi cura dei genitori anziani, hai una ricetta per il disastro. E questo è dannoso per il cervello. Il messaggio principale è che è il tempo passato per affrontare la pandemia di stress che sta causando il caos sulla salute delle donne.

Il raggiungimento dell'uguaglianza sul posto di lavoro non è stato trasferito all'uguaglianza a casa. Le donne sono sovraccarichi e sottostimate nella loro carriera. Avere un alto livello di stress cronico è stata la norma, ma questo non dovrebbe essere il caso. Lo stress è associato a un sonno scarso, umori depressi e una maggiore possibilità di sviluppare la depressione. È stato anche dimostrato di causare restringimento al cervello! Di conseguenza, dobbiamo tenere sotto controllo i livelli di stress. Ma come lo fai? Permettere al nostro cervello di prendersi una pausa dalla stimolazione mentale continua è un metodo per farlo. In questi giorni, siamo costantemente collegati a notizie deprimenti e e -mail aziendali durante il giorno. Esercitati l'abitudine di prendere una disintossicazione digitale e limitare il tempo trascorri sul telefono e controllare l'e -mail di lavoro al di fuori delle ore di lavoro.

Se i tuoi pensieri corrono sempre, la meditazione o la consapevolezza sono una tecnica meravigliosa da imparare e mettere in pratica. Tuttavia, l'effetto finale è sempre coerente: permetti alla tua mente di essere in pace. Inoltre, i vantaggi per la salute sono enormi: secondo recenti ricerche, le persone che hanno meditato costantemente per un periodo di molti anni hanno ridotto il rischio di mortalità a causa del 48 %! A dire il vero, il metodo più efficace per consentire alla tua mente di rilassarsi è il sonno. È fondamentale dormire a sufficienza per consentire al tuo corpo e al cervello di riparare e riparare. Mentre alcune persone riescono a dormire poco, molti altri soffrono di malinconia e irritabilità a causa di un riposo inadeguato.

Tenta un periodo di mezz'ora a vento prima di coricarsi senza l'uso della tecnologia o altre forme di stimolazione per vedere se ti aiuta a dormire meglio. Rendi la tua camera da letto il più scura possibile e assicurati che non sia troppo caldo. Tuttavia, se nessuna di queste strategie funziona, l'autore raccomanda di consultare il medico per l'assunzione di pillole di melatonina e/o consumo di alimenti come i pistacchi prima della notte, che sono naturalmente ricchi di melatonina. Lo stress è diventato accettato come parte normale della nostra vita, ma è qualsiasi cosa di natura naturale. In realtà, è un'arma di assassinio letale. Di conseguenza, dobbiamo fare in modo che affrontasse una priorità assoluta.

La stimolazione del tuo intelletto aiuterà nello sviluppo del tuo cervello.

Quando è stata l'ultima volta che sei stato sorpreso da qualcosa che non ti aspettavi? O hai approfittato della possibilità di fare qualcosa che era al di fuori della tua zona di comfort? Quando siamo più giovani, sembra che proviamo sempre cose nuove. Tuttavia, man mano che invecchiamo, tendiamo a diventare stantii nelle nostre vecchie abitudini e perdiamo interesse a provare cose nuove. Questa è una notizia terribile per la salute del nostro cervello. Basta dichiarare, per mantenere il cervello sano, devi usarlo regolarmente. La lezione più importante da togliere da ciò è che la stimolazione intellettuale aiuterà nello sviluppo del cervello.

Nel corso di 15 anni, i ricercatori hanno monitorato le attività di 900 persone e hanno scoperto che coloro che avevano professioni o titoli affascinanti avevano molte più riserve cognitive. Uno studio di 400 anziani ha trovato risultati favorevoli comparabili: coloro che erano intellettualmente attivi avevano una possibilità ridotta del 54 % di deterioramento mentale rispetto a quelli che non erano coinvolti intellettualmente. I pazienti con mutazione genica non comune che causa la malattia di Alzheimer possono avere i loro sintomi ritardati o forse impediti del tutto se sono intellettualmente coinvolti. Un cervello ben stimolato ha migliori connessioni tra le cellule cerebrali, il che lo rende più flessibile e robusto e può reagire agli stimoli più rapidamente a causa della stimolazione.

Sfortunatamente, le donne hanno tradizionalmente meno possibilità di ottenere gradi più alti o di lavorare in ambienti stimolanti, con conseguenti molti di loro incapaci di raccogliere i vantaggi di queste attività di potenziamento del cervello. Ciò sta progressivamente cambiando, ma è ancora irregolare nella società di oggi. Fortunatamente, ci sono metodi alternativi per stimolare il cervello. E, sebbene l'attuale aumento della popolarità dei giochi online non sia stato scientificamente dimostrato benefico, ci sono una varietà di metodi offline che sono efficaci.

L'atto di leggere il giornale o un libro decente può stimolare i tuoi neuroni. Andare a teatro, vedere un documentario o giocare a un gioco da tavolo con gli amici può aiutarti a rilassarti. Ma tieni presente che vuoi spingere te stesso - così come il tuo intelletto - con questo esercizio. Se sei già un maestro di scacchi, si dirama e prova un nuovo gioco di strategia. Se il tuo tipico materiale di lettura è costituito da romanzi spensierati, prova un romanzo classico per un cambio di ritmo. Affrontare una nuova sfida è uno dei metodi più efficaci per mantenere in forma il cervello. Hai mai desiderato imparare a creare bellissimi pasticcini da zero? In alternativa, che ne dici di imparare a suonare il violino? In tal caso, ora è un momento eccellente per farlo.

Prima inizi a mangiare in modo sano, esercitati, minimizzando lo stress e coinvolgendo il tuo intelletto, maggiori sono le tue possibilità di successo in seguito. È passato il tempo per il mondo di sedersi e prendere atto dello stato della salute del cervello delle donne, ma hai la capacità di assumere il controllo della tua salute in questo momento, a partire da te stesso e con la tua famiglia.

Riepilogo del libro The XX Brain nella sua interezza.

Il messaggio più importante in queste note è che la salute del cervello delle donne è in uno stato di crisi, ma che la pandemia dell'Alzheimer può essere evitata. Inoltre, valutando in modo proattivo la tua salute generale, potresti essere in grado di rimandare o addirittura prevenire completamente l'inizio della malattia. È l'adeguamento dello stile di vita più essenziale che puoi fare se vuoi migliorare sostanzialmente la salute del tuo cervello. Dieta, esercizio fisico, riduzione dello stress e stimolazione intellettuale sono i cambiamenti più critici che puoi apportare. Consigli che possono essere messi in azione: ti svegli a sentirti le vertigini al mattino? Bevi un bicchiere di acqua calda per rinfrescarti. Il nostro cervello è composto principalmente da acqua. Di conseguenza, anche una moderata disidratazione ha un effetto significativo su di essi. In effetti, gli studi hanno dimostrato che bere acqua adeguata può migliorare le prestazioni cerebrali fino al 30%! L'acqua calda, d'altra parte, può essere assorbita in modo molto più efficiente dal corpo. Di conseguenza, se vuoi iniziare la giornata con una nota positiva, bevi un bicchiere di acqua calda non appena ti alzi dal letto al mattino.

Acquista libro - The XX Brain di Lisa Mosconi, PhD

Scritto da BrookPad Team basato sul cervello XX di Lisa Mosconi, PhD



Post più vecchio Post più recente


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati