Lives of the Stoics di Ryan Holiday, Stephen Hansel

Famiglia Salute Stile di vita Vite degli stoici Motivazionale Ryan Holiday Auto -aiuto Stephen Hansel

Lives of the Stoics di Ryan Holiday, Stephen Hansel

Acquista Book - Lives of the Stoics di Ryan Holiday, Stephen Hansel

Qual è l'argomento del libro The Lives of the Stoics?

The Lives of the Stoics (2020) è un film documentario che esamina la filosofia dello stoicismo attraverso la vita dei suoi primi seguaci. Queste note, che sono piene di intuizioni sui leader, le battaglie e la politica dell'antica antichità, forniscono uno sguardo nuovo ma storicamente accurato a questa famosa ideologia.

Chi ha letto il libro The Lives of the Stoics?

  • Gli appassionati di filosofia sono alla ricerca di nuove idee.
  • Gli attaccanti sono alla ricerca di motivazione.
  • Alla ricerca di un diverso punto di vista, aspiranti storici

Chi è Ryan Holiday, Stephen Hansel e qual è la sua storia?

Ryan Holiday è autore e stratega dei media degli Stati Uniti. Il suo lavoro è stato presentato in pubblicazioni come la Columbia Journalism Review and Psychology Today. È autore di molti libri, tra cui l'ostacolo è il modo in cui è la chiave.

Stephen Hanselman è autore ed editore che vive a New York City. Ha conseguito la laurea presso la Fresno Pacific University e il suo master presso la Harvard Divinity School. Le sue opere precedenti includono il Daily Stoic, che è stato pubblicato nel 2011.

Cosa c'è esattamente dentro per me? Le azioni parlano più forte delle parole.

Dovremmo studiare la filosofia, secondo Nietzsche, se vogliamo diventare migliori esseri umani a lungo termine. Lo stoicismo è diverso da qualsiasi altra scuola di filosofia in quanto ci aiuta nel nostro desiderio di migliorare. Più di duemila anni fa, questa scuola di pensiero è nata dall'antica Grecia e sottolinea il significato delle azioni sulle parole - di vivere nel modo giusto piuttosto che semplicemente dire la cosa giusta - piuttosto che dire la cosa giusta. Per conoscere il stoicismo, approfondiamo la vita e le esperienze degli stessi stoici e faremo proprio questo. Viaggia indietro nel tempo nell'antica Grecia e Roma mentre leggi le storie intriganti dei filosofi stoici più prolifici in questa raccolta di appunti di lezione.

Imparerai come queste persone storiche mettono in azione le qualità stoiche di conoscenza, giustizia e coraggio guardando le loro vite. Scoprirai anche come la loro volontà di soffrire ha permesso loro di affrontare le stesse preoccupazioni, incertezze e desideri che affliggono la nostra vita oggi e come ciò ha permesso loro di sopravvivere. I motivi per cui Cleanthes ha scritto la sua filosofia sui conchiglie di ostriche, come Marcus Aurelio ha affrontato una pandemia e come il più famoso stoico del mondo sia finito con il sangue sulle sue mani sono tutti coperti in questo insieme di note.

Lo stoicismo di una persona è sviluppato attraverso prove e tribolazioni.

La filosofia dello stoicismo potrebbe essersi evoluta in una potente forza globale, ma aveva origini modeste. Gli inizi di questa importante scuola di pensiero possono essere fatti risalire a un singolo uomo, un terribile naufragio e un piccolo portico. La nostra storia inizia nel Mediterraneo, nel IV secolo a.C., con un ricco uomo d'affari di nome Zeno. Zeno è il protagonista della nostra storia. Zeno ha guadagnato un reddito solido affrontando una rara tintura viola prodotta dal sangue della penna marina, che all'epoca era molto richiesto. Tuttavia, un giorno, quando una nave che trasportava il suo prezioso carico affondò nell'oceano, la sua lussuosa esistenza si abbatté intorno a lui. Zeno e la sua famiglia avevano tutto tolto da loro. La lezione più importante qui è che lo stoicismo si è formato nella fornace delle avversità.

Altri potrebbero essere stati devastati da questa terribile svolta di eventi, ma Zeno non ne è stato influenzato. Ha affrontato la sua sventura con tenacia e fortezza, precisamente le caratteristiche che sarebbero state associate alla filosofia stoica in futuro. Per non crogiolarsi nella miseria della sua situazione, Zeno si trasferì ad Atene, il palpitante centro dell'antica Grecia, dove si rifaceva come pensatore filosofico. Aveva fatto la scelta corretta in termini di posizione. Atene nel IV secolo era un vivace centro di commercio, oltre a purtroppo, la tratta degli schiavi. A causa della prosperità economica della città e della forza di lavoro degli schiavi della città, l'élite istruita della città ha avuto un sacco di tempo per contemplare le questioni filosofiche più difficili della vita. Zeno fu introdotto ai fondamenti della filosofia da parte di Tebe, che era un noto e famoso istruttore nell'antica Grecia.

Le casse non hanno perso tempo a insegnare a Zeno una prima lezione insolita, che ha consegnato sotto forma di una pentola di zuppa di lenticchie. Le casse avevano chiesto di trasportare questa zuppa in città. Zeno evitò di essere notato prendendo la zuppa tra i vicoli, dal momento che sentiva che era sotto di lui fare un lavoro così difficile. La zuppa gli fu scaricata dappertutto da casse, che lo vide di nascosto e la usava come una lezione per non preoccuparsi troppo di ciò che pensavano gli altri. Zeno si alzò rapidamente tra i ranghi per diventare un filosofo ben considerato a sé stante. Ha stabilito una nuova filosofia, nota come stoicismo, e ha definito i suoi quattro principi guida, che sono i seguenti: coraggio, saggezza, temperanza e giustizia (o giustizia).

Gli stoici, come Zeno, credevano che la filosofia non dovesse essere limitata alla classe ma dovrebbe essere messa in pratica nella vita di tutti i giorni, come dimostrato dalle loro azioni. Di conseguenza, piuttosto che urlare da un campanile o lezioni in una magnifica lezione, Zeno e i suoi discepoli si sono riuniti su un portico al centro di Atene noto come Stoa Poikile per discutere le loro opinioni. L'umiltà di Zeno è forse meglio dimostrata dal fatto che ha chiamato la sua filosofia dopo questo particolare portico piuttosto che dopo se stesso.

Avere uno stile di vita spartano, pensò Cleanthes, era la sua ricompensa.

Al giorno d'oggi, la società non si preoccupa molto di come un professore di filosofia conduce la propria vita. Ma i filosofi erano fonte di curiosità per i loro simili durante il tempo della cultura greca antica. Tutti noi abbiamo un'opinione sulle nostre idee e sui nostri personaggi e, nel caso del nostro prossimo stoico, queste opinioni non sono sempre belle da sentire. Cleanthes è nato sulla costa egea intorno al 330 a.C. e sarebbe diventato uno degli alunni più dedicati di Zeno, secondo Legend. Cleanthes è nato in una famiglia della classe operaia e ha lavorato e lavorato per tutta la vita. I detergenti, d'altra parte, hanno abbracciato il duro lavoro, mentre la maggior parte di noi no. La lezione più importante qui è che Cleanthes ha ritenuto che vivere una vita spartana fosse un premio da solo.

Ha continuato a studiare lo stoicismo durante il giorno e ha lavorato come porta acqua per gli ateniesi benestanti di notte, nonostante il fatto che la sua reputazione di filosofo stesse guadagnando terreno. Avrebbe potuto facilmente uscire dal lavoro fisico se avesse voluto - c'erano molte persone che erano pronte a compensare le pulizie per il suo tempo e le sue competenze. Cleanthes, d'altra parte, ha costantemente rifiutato tali offerte, anche quando il monarca macedone, Antigonus II Gonatas, ha chiesto a Cleanthes di fungere da suo insegnante personale.

Come stoico, Cleanthes ha riconosciuto che c'è dignità nel duro lavoro e che anche un compito umile come il trasporto di acqua può essere onorevole e virtuoso se condotto con eccellenza. Non si è verificato a Cleanthes che aveva un conflitto tra le sue due professioni: filosofo e lavoratore. In effetti, credeva che la sua esperienza come portatore lo aiutò nella sua ricerca per diventare un filosofo più abile. Quando ci fermiamo e ci pensiamo, non è difficile capire perché. Nonostante il fatto che il lavoro fisico sia stancante, ci consente di far vagare i nostri pensieri e guardare gli altri individui. Ci fornisce lo spazio mentale per rimuginare sui nostri pensieri in pace mentre eseguiamo le nostre responsabilità.

Cleanthes, come molti altri stoici autentici, era noto per aver vissuto uno stile di vita estremamente frugale. Si diceva persino che avesse scritto le sue idee su gusci di ostriche e ossa di mucca piuttosto che su carta di papiro al fine di risparmiare denaro su carta di papiro. Cleanthes ha mostrato la virtù stoica dell'indifferenza al disagio attraverso il suo austero modo di vivere. Tuttavia, non tutti ammiravano questo studente di filosofia, che era molto laborioso e molto frugale con i suoi soldi. È stato preso in giro dai suoi compagni ateniesi perché aveva trascorso 20 anni a imparare sotto Zeno, il suo istruttore negli ultimi 20 anni. Era chiamato un semplicione perché era come un lento grumo di pietra che non poteva essere modellato in nulla. Cleanthes, d'altra parte, trattava i suoi detrattori di un senso dell'umorismo. Invece di arrabbiarsi quando gli altri lo prendevano in giro, spesso reagiva prendendo in giro se stesso e gli altri. Cleanthes, come molti altri stoici, utilizzava umorismo per distrarsi dal gemito o concentrandosi sul suo dolore.

Non tutti gli stoici erano all'altezza degli ideali che venivano insegnati.

Cicerone, che è nato nell'antica Roma nel 106 a.C. I principi fondamentali dello stoicismo sono discussi in questo interessante libro di Cicerone, che spiega come sono paradossali nella loro natura. Ad esempio, perché gli stoici affermano che la virtù è tutto ciò di cui hai bisogno, mentre il denaro e la buona salute sono necessari anche per il benessere nella vita? Inoltre, come potevano gli stoici pensare che solo le persone intelligenti fossero ricche mentre così tanti filosofi vivevano in condizioni squallide? Le opere di Cicerone hanno preservato molti dei concetti e paradossi stoici che altrimenti sarebbero stati persi per i lettori contemporanei. Tuttavia, nonostante il fatto che abbia reso un enorme servizio allo stoicismo immortalando i suoi principi nell'inchiostro, Cicerone non è riuscito ad aderire ai suoi precetti in diverse occasioni nella sua stessa vita.

La lezione più importante da trarre da questo è che non tutti gli stoici sono stati all'altezza dei loro ideali. Cicerone, che nacque in una famiglia sconosciuta in un piccolo villaggio fuori Roma, trascorse la sua prima vita adulta a salire sulla scala aziendale a una velocità vertiginosamente veloce. Ad un certo punto, era elevato alla posizione di console e leader dell'esercito romano. Cicerone guadagnò notorietà durante la sua rapida ascesa quando punì con successo un magistrato corrotto di nome Verres, che aveva rubato grandi quantità di denaro dalla gente della Sicilia. Durante questo periodo, Cicerone ha stabilito la reputazione di essere un giudice difficile. Anche se i suoi atti riflettevano gli ideali stoici di giustizia e coraggio, le sue motivazioni erano un po 'meno onorevoli di quanto avrebbero dovuto essere. In realtà, Cicerone era principalmente motivato dalla vanità, dall'ambizione personale e dal desiderio di fama e ricchezza, che erano tutti diametralmente contrari agli ideali stoici.

La palese e palese disprezzo di Cicerone per i principi stoici avrà ripercussioni catastrofiche per lui. Cicerone si confronta con un avversario potenzialmente mortale a forma del senatore romano Catiline, non molto tempo dopo aver assunto la posizione del console. Quando Catiline ha cercato di organizzare un colpo di stato e stazione di un esercito fuori Roma, Cicerone ha risposto rapidamente e decisamente, anche se in modo non etico. Decise di uccidere i seguaci di Catiline a seguito della loro rivolta, senza tenerli a tenere conto. Si stima che centinaia di soldati siano stati uccisi quando Cicerone è stato fatto. Come risultato di questo evento vergognoso, Cicerone aveva permesso alla sua rabbia di dirigerlo. Tuttavia, come studente di stoicismo, avrebbe dovuto rendersi conto che la giustizia, piuttosto che la passione, è l'insegnante più efficace da cui imparare. Cicerone, negli ultimi anni, fallirebbe anche la prova più importante della sua vita perché gli mancava il coraggio necessario.

All'epoca, Giulio Cesare e la sua spietata esercito erano sul punto di sequestrare il controllo di Roma e Cicerone fu chiesto di prendere parte alla controffensiva militare della Repubblica. Cicerone, d'altra parte, decise di non fare nulla. Invece di avere il coraggio di distinguersi contro la tirannia, scelse di sedersi e accettare Cesare quando alla fine divenne il sovrano della città di Roma.

Cato Il giovane preferiva stoicismo al di sopra del pragmatismo come la sua filosofia della vita.

Alcuni individui sono nati coraggiosi, mentre altri no. Mentre la maggior parte di noi sceglierà la via meno difficile e più vera rispetto alla più difficile, più vera, queste persone eccezionali rimarranno sempre fedeli alle loro credenze, anche di fronte al pericolo. Al fine di fornire un esempio di una persona che possiede tali qualità, la nostra prossima figura storica ha esemplificato la virtù stoica del coraggio. Tuttavia, come vedrai, il suo forte senso di convinzione lo ha portato a volte a prendere decisioni errate. Catone il giovane, nato a Roma nel 95 a.C., era contemporaneo di Cicerone. Nonostante le loro somiglianze in età, questi due ragazzi non avrebbero potuto essere più diversi nella loro prospettiva sulla vita. Mentre Cicerone si occupava esclusivamente dei suoi interessi personali, Cato si preoccupava solo di fare ciò che era giusto. Cato il giovane ha scelto lo stoicismo al di sopra della praticità, e questa è la lezione più importante da togliersi da questo.

Mentre era ancora un giovane, Catone si rifiutò di parlare a nome di un soldato senza scrupoli che lo aveva fatto del male. Come reazione e, nel tentativo di costringerlo alla sottomissione, il soldato lo penzolava dalle caviglie da una ringhiera di balcone alta. Cato, a suo merito, rimase senza paura, né implorando per la sua vita né esprimendo preoccupazione per la possibilità della sua morte. Alla fine, il soldato è stato in grado di tirarlo indietro e riconoscere che questo bambino di quattro anni aveva una volontà maggiore di se stesso. Il senso di convinzione stoico di Cato continuerebbe a guidarlo per tutta la sua vita adulta. Catone è stato un importante politico che ha dedicato la sua vita a combattere la corruzione cronica di Roma e sostenere i diritti delle Plebe - le classi inferiori di Roma - per tutta la sua carriera. Sebbene le altre élite disprezzassero la sua posizione di principio, Cato si preoccupava solo del fatto che i suoi atti fossero moralmente corretti. È stato questo, ha detto, che ha esemplificato ciò che significava essere un vero filosofo e un vero stoico.

La costante devozione di Cato alla virtù, d'altra parte, alla fine comporterebbe ripercussioni catastrofiche per il paese. I problemi di Cato iniziarono quando Pompeo, un membro dell'élite politica, gli si avvicinò a sposare sua figlia, Catone. Come risultato del desiderio di Pompeo di unire le loro due famiglie in questo modo, Catone si rese conto che Pompeo era interessato solo a farlo per formare un'alleanza politica con lui. Cato credeva che il matrimonio sarebbe stato il corso di azione più opportuno, ma che l'accordo sembrava ingiusto e ombroso. Di conseguenza, ha rifiutato. Cato avrebbe capito il rischio di dire di no se avesse messo da parte le sue convinzioni per un minuto e considerava il problema da un punto di vista più realistico.

Seguendo il rifiuto di Cato, Pompeo invece scelse di sposare Julia, figlia di Julius Cesare. Il matrimonio ha fornito a Cesare una significativa spinta politica e i due uomini hanno lavorato insieme per creare un destino nuovo e autoritario per Roma. Cesare avrebbe attaccato Roma e distrutto la Repubblica prima che potesse essere fermata. Esiste la possibilità che tutto ciò possa essere stato evitato se Catone avesse deciso di cadere dalla sua altura morale anche in qualche modo per forgiare un'alleanza con Pompeo.

C'è solo una stoica femminile i cui atti valori sono stati documentati nella documentazione storica.

È possibile che ti stia chiedendo dove siano tutte le donne mentre viaggiamo attraverso il panorama intellettuale dell'antichità. Sfortunatamente gli stoici femminili sono stati spazzati via per lo più dalla storia, proprio come sono stati dal resto della storia umana. Ma non esiste un esempio migliore di fortezza stoica rispetto alle donne non raradiche che hanno sofferto di tutta la stessa tirannia, guerre e prove delle loro controparti maschili. Hanno dato alla luce Catos, Ciceros e Zenos dell'antica Roma e della Grecia, senza il beneficio dell'anestesia, ma le loro difficoltà e sacrifici sono rimasti inosservati e non riconosciuti dai libri di storia. La lezione più importante da trarre da questo è che esiste solo una stoica femminile le cui azioni eroiche sono state documentate. Porcia Cato era il nome della signora in questione, ed era figlia di Catone più giovane.

Si risposò, questa volta a un uomo di nome Bruto, dopo aver perso il suo primo marito durante la guerra civile di Roma nel primo secolo d.C. Bruto e i suoi compagni cospiratori progettavano di assassinare Julius Cesare, che era salito alla posizione di imperatore e dittatore di Roma durante il loro matrimonio. Porcia, consapevole che suo marito stava preparando qualcosa ma incerto su cosa, ha preso la decisione di andare a misure estreme per dimostrare a Bruto che era una degna confidente e alleato. Invece di chiedere solo cosa fosse la trama, Porcia si è pugnalata nella coscia con un coltello, una mossa che sarebbe stata considerata normale.

Quando Bruto tornò a casa, la vide in uno stato di abbondante sanguinamento. "Dai un'occhiata alla quantità di agonia che posso resistere", ha osservato Porcia. Sperava di dimostrare a se stessa di avere un carattere forte e stoico e di conseguenza sarebbe stata in grado di sopportare una grave agonia se necessario infliggendo questo tipo di danno su se stessa. Se fosse mai stata torturata per informazioni, voleva dimostrargli che non si sarebbe sgretolata durante l'interrogatorio. Quando Bruto scoprì questa prova della volontà di ferro di sua moglie, la informò rapidamente delle specifiche della trama. Quindi, mentre lui e gli altri ragazzi hanno pugnalato senza pietà Cesare a morte, Porcia era a casa, sperando che tutto andasse secondo i piani. È stato un peccato che questa non sarebbe stata l'ultima volta che Porcia avrebbe mostrato il suo coraggio stoico e l'indifferenza alla sofferenza.

Con soli due anni trascorsi dopo la morte di Cesare, Bruto fu assassinato in una guerra civile che era stata scatenata da Mark Antony, uno dei più fermi alleati di Cesare. Nonostante il fatto che ci siano versioni contraddittorie di ciò che è accaduto, uno scrittore afferma che quando Porcia ha sentito parlare della morte di suo marito, si è precipitata sul camino e ha inghiottito carboni in fiamme. Di conseguenza, si è suicidata per riunirsi con suo marito nell'aldilà, che ha realizzato in modo spettacolare.

Il patrimonio stoico di Seneca è stato offuscato da spargimenti di sangue.

Cosa fai quando adotti una virtù stoica richiede il rifiuto di un'altra? Esattamente questo era il problema, il più giovane, il filosofo stoico più famoso di tutti i tempi, si trovava di fronte. Seneca, come Cicerone, è più conosciuta per i suoi successi letterari, in particolare per la sua raccolta di lettere e saggi, sulla moralità, che è considerata il suo lavoro più importante. Tuttavia, nonostante il fatto che Seneca sia venerato per le sue osservazioni sull'argomento, ha mostrato un debole giudizio morale per tutto il tempo sulla Terra. Secondo la filosofia stoica, abbiamo tutti l'obbligo morale di essere coinvolti in politica al fine di dare un contributo positivo al benessere generale. Forse, è stata questa filosofia stoica che ha costretto Seneca, nel 50 d.C., ad accettare un'offerta per insegnare un bambino di 12 anni-un ragazzo che sarebbe diventato il prossimo imperatore di Roma. Claudio aveva adottato il bambino, il cui nome era Nerone, ed era il figlio adottivo dell'imperatore.

La lezione più importante qui è che l'eredità stoica di Seneca è stata macchiata di sangue. Nero, d'altra parte, era duro e intitolato, oltre che pigro ed egoistico. Seneca ha tentato di instillare in lui gli ideali stoici di conoscenza, giustizia e compassione, ma non era impressionato. Nero esibiva le ovvie caratteristiche dell'uomo e del sovrano sarebbe cresciuto fino a diventare anche da bambino. La madre di serie, Agrippina, ha ucciso suo padre, Claudio, quattro anni dopo, spianando il percorso per il sedicenne Nerone a salire Il trono di Roma. E non ci è voluto molto per questo nuovo ragazzo-imperatore per dimostrare le sue caratteristiche nefaste. Nero iniziò assassinando sua madre, e poi procedette a uccidere ogni singolo parente maschile che poteva essere un potenziale contendente per il trono.

Seneca non si vedeva da nessuna parte in tutta questa carneficina. Era, purtroppo, lì dalla parte di Nero come suo fedele istruttore in quel momento. Seneca rimase fedele a Nero per i successivi 15 anni, nonostante il fatto che il giovane imperatore si mostrò uno psicopatico dittatoriale durante quel periodo. Mentre Seneca ha tentato di convincere Nerone a mostrare compassione ai suoi avversari, quando questo fallì, gli mancava il coraggio e l'autodisciplina per andarsene. Invece ha usato la possibilità di acquisire più denaro di qualsiasi altro filosofo nella storia e per vivere uno stile di vita lussuoso che non ha eguali nella storia. Potrebbe essersi convinto che rimanendo così vicino al potere, stava adempiendo il suo obbligo politico stoico, ma la sua ricchezza era costruita sul retro delle atrocità di Nero.

Dopo che tutto è stato detto e fatto, a Seneca mancava la forza morale di altri stoici, come Cleanthes e Cato. Invece di mettere in pratica la sua teoria, ha scelto di scriverne. Dovrai decidere tu stesso se è sufficiente.

Marcus Aurelio era un leader stoico che guidò l'Impero romano con umiltà e compassione.

Si afferma spesso che la potenza totale corrompe tutto completamente. Questo è certamente vero. E, sfortunatamente, la storia ha ripetutamente dimostrato che questo è il caso. Tuttavia, la nostra figura stoica finale sembra essere un'eccezione alla norma. Ci ha dimostrato, attraverso il brillante esempio della sua vita e della sua leadership, ciò che l'umanità è davvero in grado di raggiungere. E, per molti versi, è stato il suo stoicismo a per averlo permesso di realizzare tale grandiosità. In particolare, stiamo discutendo di Marcus Aurelio, che è considerato il primo re filosofo del mondo.

Marcus aveva solo 17 anni quando l'imperatore erede Adriano lo selezionò come suo successore e gli chiese di diventare un membro della famiglia imperiale. È nato in una famiglia romana rispettata nel 121 d.C. Mentre molti giovani sarebbero stati tentati di consentire a un cambiamento così significativo della ricchezza di andare in testa, Marcus rimase il giovane e modesto che era stato dall'inizio. Anche quando si trasferì nel palazzo, continuò ad andare nelle case dei suoi tutor piuttosto che invitarli nella sua residenza. L'idea principale è che Marcus Aurelio governasse l'Impero romano con umiltà e compassione stoica, che è la lezione centrale qui.

Sorprendentemente, una delle sue prime azioni è stata quella di condividere l'autorità con suo fratello adottivo, Lucius, nominandolo come co-imperatore, che all'epoca non aveva precedenti. Considera quanto rivoluzionaria fosse alla luce del fatto che i precedenti imperatori, come Nero, avevano ucciso i loro avversari politici. La generosità di Marcus, d'altra parte, non è finita qui. Ha immediatamente perdonato i cospiratori per il loro tradimento dopo aver appreso che uno dei suoi amici politici più stretti, Cassio, stava pianificando una rivolta contro di lui. Gridò quando Cassio fu assassinato per rappresaglia per le loro azioni.

Marcus, come un vero stoico, si è assicurato che le sue scelte fossero sempre guidate dagli interessi dei normali romani piuttosto che dal suo piacere e convenienza personale. Pensa alle sue attività durante la peste Antonine, che ha provocato il caos in tutto l'Impero romano. Marcus avrebbe potuto semplicemente aumentare le tasse del suo popolo per riempire le casse di esaurimento di Roma, ma ha scelto di non farlo. Invece, ha sequestrato tutte le decorazioni dalla sua residenza imperiale e le ha vendute al miglior offerente al momento dell'asta. Gli scritti di Marcus rivelano che ha fatto molti sforzi per vivere fedele alla sua filosofia stoica. Nel suo libro meditazioni, esprime i suoi sentimenti di gelosia, rabbia e desiderio, tra le altre emozioni. Marcus, d'altra parte, ha cercato di controllare le sue emozioni, mentre molti di noi hanno ceduto a loro. Secondo i suoi scritti, trovò la direzione nella conoscenza stoica e la usò per costruire una base morale per il suo stile di leadership.

La vita e le opere di Marcus Aurelius, alla fine, servono come probabilmente la prova più potente del potere dello stoicismo mai prodotto. Questo perché questa filosofia riguarda lo sviluppo del nostro sé umano imperfetto per poter trattenere i nostri principi morali indipendentemente dalle circostanze della nostra vita.

Questa è la conclusione del libro, la vita degli stoici.

La lezione più importante in queste note è che lo stoicismo ci insegna le qualità del coraggio e della giustizia e che ci implora di svolgere le nostre responsabilità civili a maggior beneficio di tutti. Sebbene i fondatori fondatori dello stoicismo non vivessero sempre in base alla loro filosofia, possiamo imparare dalla loro vita ed errori sull'importanza dell'integrità altruista e sui pericoli della vanità e della decadenza studiando la loro vita e gli errori.

Acquista Book - Lives of the Stoics di Ryan Holiday, Stephen Hansel

Scritto da BrookPad Team basato sulla vita degli stoici di Ryan Holiday, Stephen Hansel



Post più vecchio Post più recente


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati